Skip to content

Il Tre – Beethoven Lyrics

Beethoven Lyrics – Il Tre

Ah, ok, ok
Ok, ok, yeah

Sto su una Range Rover
Metto in moto e sorpasso a destra
1-6-9, sono i buchi che faccio in testa
I tuoi best brother, tutto fumo, ma niente festa
Sono Beethoven, il più forte, ma senza orchestra
Sì, mi muovo nella scena, ma giro da solo, fra’, come mi pare e piace
Sono un tipo solitario, non mi fare compagnia, fra’, se non ti dispiace
Ho notato che il talento poi non è così importante, tanto tutto tace
Qui la gente vuole il dissing, poi vuole il gossip, però a me non mi piace (No)
No, no, faccio musica, mica il tronista
No, no, il messaggio che mando è più forte
Un minuto di silenzio per tutti i maschietti che fanno carriera
Presentandosi a Uomini e Donne
Se volete potete provare a rifarlo
Io dico di no perché vi viene un infarto
Se non hai capito chi siamo
Ci presentiamo e poi ti richiamo
Siete come principesse
E non dovreste fare quelle brutte feste senza niente
Vengo a fare mezze teste, fra’, un Winchester
Siete solo vigilesse, senti questa

Cambio la marcia però non cambio la mia macchina, no, questo no
Sono fuori dal gioco, lo sanno e lo so
Ho aspettato fin troppo, eh
Quindi spostati adesso, tocca a me
Questa roba ti spacca in due la testa
Sono in studio con DJ Sine e
Cuciniamo per te, cinque stelle Michelin, ye-ye

Ah
È come fare a botte in una nottataccia (Sì)
Quando sei a terra e prendi i calci in faccia
E pensi solo: “Vi darò la caccia”, yo
È una promessa, non è una minaccia
È come l’odio dentro a queste rime
Non ho imparato a vendicarmi ma solo a reagire
Come gli aerei che ci attaccano dall’alto
Saremo le radici che spaccano l’asfalto, noi
Come stelle nere in questo cielo
Viviamo solo dentro all’attimo in cui esploderemo
Come una bomba pronta, mh, senti il ticchettio
Io sono Gesù Cristo e questo beat è Dio
E fottermi è un sacrilegio
Tu spera per il meglio mentre ti prepari al peggio
Ed ogni strofa nuova è come un nuovo testamento
Sai che resti in equilibrio, fuori uomo e bestia dentro, bitch
Giorni tristi e di panico, dai fischi e dal baratro
Ai dischi di platino, ti chiedi ancora perché vado piano?
Perché quando dico che devi succhiarmelo io voglio che sia chiaro

Cambio la marcia però non cambio la mia macchina, no, questo no
Sono fuori dal gioco, lo sanno e lo so
Ho aspettato fin troppo, eh
Quindi spostati adesso, tocca a me
Questa roba ti spacca in due la testa
Sono in studio con DJ Sine e
Cuciniamo per te, cinque stelle Michelin, ye-ye