Night Skinny – Come mi guardi Lyrics

Voglio morire in un letto orgiastico
Con le gambe che tremano come elastici
Persi neri bianchi nudi, come un plastico
Ferma immobile, che mi farciano
Voglio fidarmi stanotte della pussy mia
Con un bicchiere di vino sopra al comodino
Dimenticare di tutto quando fa mattina
Per poi ripetere in loop fino alla mia fine
Ma non sa che prendere il lago in braccio
Per cullarlo un poco, come fai te
Non so elemosinare l’amore che mi manca
Forse è poco romantico
A volte basta un attimo, un equilibrio, un battito
Tengo le distanze, ma a volte basta un tattico per trovarmi a letto con te
Che mi dai quello che cerco di me

Per trovarmi ho fatto male, male
Per restare in piedi peggio, sai che
Per volare sono guerre, guerre
Contro me, contro te, contro tutti
Per trovarmi ho fatto male, male
Per restare in piedi peggio, sai che
Per volare sono guerre, guerre
Contro me, contro te, contro tutti

Come guardi
Cielo stanotte sarai stanco
Di avere tutte quelle stelle affianco
E sentirne il calore senza abbracciarle, toccarle
Mentre loro cadono, ti guardo
Cielo stanotte sarai stanco
Di guardarmi solamente dall’alto
E vedermi cadere senza abbracciarmi, toccarmi
Mentre ti sto pregando di farlo

Ho già chiesto alla luna, anche lei non mi parla
Non so scegliere l’una, né l’una né l’altra
Quale via sarà quella giusta?
Con i piedi sulla balaustra
Con due ferri nelle mani dico: “Afferrami le mani”
Non è vero che domani s’aggiusta
Per salvarmi t’ho fatto del male, per sentirmi poi peggio
Volevamo volare ma stiamo soltanto cercando parcheggio
Siamo stelle di un cielo già esploso ma che ancora splende
Noi lo vediamo ugualmente, ma niente (ma niente, ma niente)

Per trovarmi ho fatto male, male
Per restare in piedi peggio, sai che
Per volare sono guerre, guerre
Contro me, contro te, contro tutti
Per trovarmi ho fatto male, male
Per restare in piedi peggio, sai che
Per volare sono guerre, guerre
Contro me, contro te, contro tutti

Come guardi
Cielo stanotte sarai stanco
Di avere tutte quelle stelle affianco
E sentirne il calore senza abbracciarle, toccarle
Mentre loro cadono, ti guardo
Cielo stanotte sarai stanco
Di guardarmi solamente dall’alto
E vedermi cadere senza abbracciarmi, toccarmi
Mentre ti sto pregando di
Farlo

Se mi pregherai di farlo
Ti regalerò uno sguardo morto sul letto disfatto
Ti do il tempo, mica il corpo
Anche se fuggo, nulla di personale
Urlo che me ne voglio andare
Non vorrei neanche parlare, voce che non voglio usare
Oohhh, io ti chiedo: “Che vuoi?”
Mi rispondi che: “Sai, certi modi che hai”
Cercherò sicuro altro, senza mai trovare un cazzo
Non aprire quella porta, perché troveresti un pazzo